Twolife® è attento all’ambiente e alla salute dell’uomo
/
03

TWOLIFE®
La tradizione del tessile riciclato in chiave moderna

In principio fu il tessuto rigenerato pratese. Correva il 1840.
L’orologio della Storia è andato avanti anche a Prato, scandito dal lavoro di chi ancora oggi trasforma gli stracci in materia prima, producendo tessuto e FILATO RICICLATO.
In fondo Malaparte non scrisse a caso che «Tutta a Prato, e tutta in stracci, va a finire la storia d'Italia e del mondo».
Riciclato è bello, è sostenibile e piace tanto ai brand dell’abbigliamento mondiale, che con questi temi ormai ci vanno a nozze.
E allora perché non difendere con le unghie e con i denti questo virtuoso esempio di economia circolare che è rimasto prigioniero dei confini del distretto?

Rispettiamo la natura..

I materiali riciclati Twolife® rispettano l'uomo e la natura.

Rapporto qualità-prezzo

Il nostro obiettivo è fornire sempre dei prodotti di qualità ad un prezzo concorrenziale rispetto ai materiali ottenuti da materia prima nuova.

Servizio eccellente

Forniamo ai nostri clienti materiali di ottima qualità e controllati attraverso fornitori qualificati.

100% Garantita!

Twolife® fornisce tutto il supporto tecnico e le certificazioni necessarie, ci avvaliamo di un laboratorio di analisi tessili accreditato internazionalmente ISO/IEC 17025 (Accre. nr.0572) che , a richiesta, può rilasciare tutte le certificazioni della filiera.

Richiedi informazioni

Il progetto TWOLIFE®

Il nostro marchio del prodotto tessile riciclato

  • Riciclaggio della plasticaEvitando di disperderlo nell’ambiente e reimmettendolo in commercio sotto forme diverse.
  • Lavorazione Il riciclo del Pet, la plastica delle bottiglie di acqua, che diventa un materiale per realizzare tessuti.
  • FilatoTwolife® propone tessuti creati non solo con le lane e i misti-lana cardati classici pratesi, ma anche prodotti ottenuti con l’utilizzo di poliestere riciclato.
310

Milioni di produzione di plastica nel mondo

8

Milioni di tonnellate di plastica negli oceani

2016

Scoperta del enzima per degradare il PET